Art. 337 c.p.: resistenza a Pubblico Ufficiale

 

Nel reato di resistenza a pubblico ufficiale non è richiesto che la violenza o la minaccia sia usata nei confronti della persona in quanto è sufficiente che la condotta sia indirizzata a turbare, ostacolare o frustrare il compimento dell’atto d’ufficio (omesso arresto all’ALT di un agente). V. Cass. sentenza 16.09.2016 n. 38500.
EnglishFrenchGermanItalianSpanish