Botti di fine anno: guida ad un uso consapevole e controlli della Polizia Locale

Botti di fine anno: guida ad un uso consapevole e controlli della Polizia Locale

In occasione della festività di fine anno l’Amministrazione comunale intende ricordare l’importanza di un utilizzo responsabile e misurato dei cosiddetti “botti di capodanno”, che – se mal gestiti – possono causare danni a persone, animali o cose. A tale scopo, il comando di Polizia Locale sta eseguendo un controllo capillare di tutti gli esercizi commerciali che pongono in vendita i cosiddetti “botti”.

Obiettivo dei controlli, che sono in corso e si terranno fino a fine anno, è quello di verificare sia che vengano posti in vendita unicamente quelli consentiti, riconoscibili dalle etichette obbligatorie, sia che venga rispettato il divieto di vendita ai minori di quelli potenzialmente più a rischio. Ulteriore attività di prevenzione è in corso di svolgimento negli ultimi due giorni dell’anno per prevenire un uso non consentito, ad esempio facendoli esplodere nelle immediate vicinanze di persone, specie bambini e anziani, ed animali, o vicino a oggetti potenzialmente infiammabili.

Particolare attenzione va rivolta nei riguardi degli animali. Il fragore dei botti, infatti, oltre a scatenare in loro una naturale reazione di spavento, li porta frequentemente a perdere l’orientamento, esponendoli così al rischio di smarrimento e investimento. In caso poi di esplosioni a ridosso dell’animale le conseguenze possono essere molto più drammatiche, causandone spesso il ferimento o la morte per ustioni.

Gli animali hanno l’udito molto più sviluppato di quello umano e i forti rumori li gettano nel panico, inducendoli a reazioni istintive e incontrollate come gettarsi nel vuoto, divincolarsi follemente per fuggire, scavalcare recinzioni e fuggire in strada mettendo seriamente a repentaglio la loro incolumità e quella dei passanti.

A essere coinvolti sono anche gli animali selvatici. Il rischio maggiore viene corso dalle specie che vivono nei pressi delle aree urbanizzate, quindi in particolare dagli uccelli. Nelle ore in cui vengono fatti brillare i botti, gli uccelli riposano sui posatoi notturni, spesso in colonie molto numerose. Le improvvise detonazioni determinano in loro reazioni istintive di fuga che, unite alla mancanza di visibilità, causano la morte di molti esemplari, soprattutto per eventi traumatici derivanti dallo scontro in volo con strutture urbane (case, lampioni, automobili).

Di seguito si riportano alcuni consigli per proteggere al meglio il proprio animale domestico:

– i cani non dovrebbero essere lasciati soli e sarebbe meglio togliere dalla stanza qualsiasi oggetto contro il quale l’animale potrebbe andare a sbattere e ferirsi;

– è preferibile evitare di lasciarli all’aperto: la paura fa compiere loro gesti imprevedibili, il primo è la fuga.

– è sconsigliato tenerli legati perché potrebbero strangolarsi con la catena, e non lasciarli sul balcone poiché, presi dal panico, potrebbero lanciarsi nel vuoto;

– per evitare di smarrire per sempre il proprio animale, è utile dotarlo di tutti gli elementi identificativi possibili (medaglietta con recapiti telefonici e indirizzo);

– se durante le esplosioni si nascondono in un luogo della casa è bene lasciarli lì, dove hanno individuato il loro rifugio sicuro;

– per minimizzare l’effetto dei botti si possono tenere accesi radio o tv.

– anche gli animali in gabbia non dovrebbero essere lasciati sui balconi;

– nei casi di animali anziani, cardiopatici o particolarmente sensibili allo stress dei rumori, è il caso di rivolgersi con anticipo al veterinario di fiducia. 

In caso di scomparsa del proprio animale, oltre a presentare denuncia di smarrimento presso il Comando di Polizia Locale o al Servizio veterinario della Asl, anche al fine di accellerare le ricerche e verificare se è stato rinvenuto da qualcuno.

Per informazioni è possibile rivolgersi al Comando:

– al numero di centrale operativa 06.7919104

– all’email info@polizialocaleciampino.it

– via Twitter, al profilo @pl_ciampino

EnglishFrenchGermanItalianSpanish