Conte: “Ancora non conosciamo fino in fondo la portata della crisi”  

“La convivenza con le restrizioni ha modificato radicalmente anche le nostre abitudini di vita. E una grande incertezza ha pervaso tutti dagli imprenditori ai commercianti ai lavoratori dello sport e dello spettacolo. All’emergenza sanitaria da subito si è affiancata una emergenza economica la cui portata non siamo in grado di conoscere fino in fondo”. Lo ha detto il premier Giuseppe Conte intervenendo all’Ey digital talk ‘L’Italia riparte’ sul Corriere.it.  

“L’urgenza con cui è stato necessario mettere in campo le risorse” per l’emergenza economica “è stata anche occasione per tagliare alcuni passaggi burocratici eccessivi come per la cassa integrazione in deroga. Ma un taglio alla burocrazia deve essere ancora più drastico perché la sfida della ripartenza non può esaurirsi nel ritorno alla normalità precedente al Covid 19” ha sottolineato il presidente del Consiglio. Con questa “crisi il Pil tornerà ai livelli del 2000, abbiamo quindi il dovere tutti insieme di uno sforzo corale, per recuperare tutti insieme il terreno perduto”.  

Inoltre, “dobbiamo introdurre una riforma fiscale organica per assicurare che il nostro fisco sia equo ed efficiente. E’ impensabile avere un fisco la cui riforma organica più recente risale a circa 50 anni fa, serve un progetto condiviso che renda tutto il sistema fiscale molto più efficiente”. E poi “vogliamo introdurre incentivi alla digitalizzazione per i pagamenti elettronici, dobbiamo assolutamente consentire l’emersione del sommerso”. 

“Nei prossimi giorni completerò un lavoro che abbiamo già iniziato con il comitato guidato da Colao – ha detto il premier – Avremo gli Stati Generali dell’economia a Palazzo Chigi con tutte le forze economiche e sociali del Paese, raccoglieremo le idee che ci sembrano più utili per poter pubblicizzare e condividere con tutti questo nostro Recovery Plan”.  

Conte ha inoltre ribadito che “le somme che arriveranno dal Recovery Fund non sono un tesoretto ma una risorsa per il futuro del Paese. Il progetto presentato dalla Commissione Ue rafforza la coesione dell’Unione ed è un’occasione storica per l’Italia per recuperare il divario di crescita e produttività che ci ha separato da altri Paesi”.  

A proposito della riforma della giustizia civile, il presidente del Consiglio ha poi rimarcato che “occorre volontà politica e determinazione. Sono convinto che maggioranza e opposizione condivideranno questi obiettivi che non hanno colore politico”. E “anche per quanto riguarda la giustizia penale – ha aggiunto – se ragioniamo di accelerare i tempi, credo possiamo trovare una grande sinergia con tutte le forze politiche”.  

Emergenze: 112

Telefono centrale operativa 067919104

Mail: info@polizialocaleciampino.it

Assistenza Twitter: https://twitter.com/pl_ciampino

EnglishFrenchGermanItalianSpanish