Sequestrati coltelli, strumenti di difesa/offesa e ingenti quantità di merce contraffatta al mercato settimanale

Sequestrati coltelli, strumenti di difesa/offesa e ingenti quantità di merce contraffatta al mercato settimanale

La Polizia Locale di Ciampino, nell’ambito dei consueti controlli amministrativi durante lo svolgimento del mercato settimanale, ha svolto una vasta operazione di controllo, iniziata all’alba, volta alla verifica delle autorizzazioni amministrative dei mezzi adibiti alla vendita dei prodotti, al contrasto dell’abusivismo commerciale, alla verifica della regolarità dei prodotti posti in vendita, alla corretta esposizione dei prezzi, al rispetto delle normative igenico sanitarie, alla verifica della tracciabilità dei prodotti ed al contrasto degli episodi di borseggio.

Gli agenti, dieci unità impegnate per oltre 12 ore in abiti civili e divise in due gruppi, hanno potuto constatatare:

– l’assenza, in diversi mezzi e furgoni adibiti alla vendita dei prodotti, della copertura assicurativa e della revisione. Nei confronti dei proprietari, ai quali è stato consentito di continuare l’attività di vendita, sono state elevate le sanzioni previste dal Codice della Strada e si è accertata l’avvenuta regolarizzazione prima del termine del mercato, cosa che ha anche provocato una insolita fila presso il Comando verso le ore 15;

–  l’esigua presenza di venditori abusivi (cinque in tutto, ai quali è stata sequestrata la merce), presumibilmente scoraggiati dalla massiccia presenza di agenti;

–  la presenza di un ingente quantitativo di merce irregolare, da collane di corallo a borse griffate, da giocattoli per bambini privi del marchio CE a quelli con lo stesso contraffatto, fino a decine di orologi contraffatti, tutta merce per la quale è stato disposto il sequestro;

–  la presenza, all’interno di un banco regolarmente autorizzato e già oggetto di attenzione da parte del Comando, di 60 coltelli ed altre armi da taglio a scatto che, poste in vendita al prezzo di 3 euro, erano potenzialmente in grado di uccidere. Nello stesso banco, tra le migliaia di altri prodotti regolari e non, una agente riscontrava inoltre a suo discapito la presenza di giocattoli ed accendini di produzione cinese che erano veri e propri strumenti di difesa ed offesa; tali prodotti, infatti, disponevano di un pulsante che una volta azionato provocava una scossa elettrica di non modesta entità. Nei confronti dei due operatori è stato disposto il fermo e la denuncia a piede libero;

–  diverse irregolarità relative alla mancata o non corretta esposizione dei prezzi, con sanzioni amministrative ai relativi operatori;

–  la presenza di un solo operatore del settore alimentare che non rispettava le prescrizioni igenico sanitarie, nei confronti del quale è stata elevata la prevista sanzione amministrativa;

–  la totale assenza di prodotti privi della tracciabilità, anche grazie alla periodicità elevata dei controlli.

“L’attività di controllo – afferma il Comandante Roberto Antonelli – è oramai una costante in tutti i mercati, sia quello settimanale che in quelli giornalieri, con l’obiettivo principale della tutela del consumatore. Controlli a tappeto come quello di questa settimana verranno ripetuti sempre più spesso, affiancando la normale ed impegnativa attività svolta regolarmente dagli ufficiali ed agenti in divisa in un mercato che, lo sottolineo, si estende per oltre 5.000 mq e 200 banchi di vendita”.

EnglishFrenchGermanItalianSpanish