Turismo, “si potrebbero perdere 197 mln posti di lavoro” 

Il World Travel and Tourism Council (Wttc) stima che oltre 197 milioni di posti di lavoro potrebbero andare persi nel settore del turismo se le restrizioni di viaggio globali e le misure di quarantena saranno mantenute fino a dopo l’estate. Secondo l’ultima ricerca dell’organismo mondiale, nel peggiore dei casi, dove le restrizioni vengono tolte dopo l’estate, un totale di 197,5 milioni di posti di lavoro sarebbe a rischio, quasi raddoppiando (+96%) i 100,8 milioni di posti di lavoro stimati nella precedente analisi del Wttc. 

Lo studio mostra anche una forte escalation della perdita economica per l’economia mondiale, in quanto stima che l’impatto di restrizioni di viaggio prolungate potrebbe anche spazzare via il contributo del settore al Pil globale di 5,543 miliardi di dollari (4,873 miliardi di euro), equivalente a un calo del 62% entro il 2019. 

Inoltre, secondo l’organizzazione, nel peggiore dei casi, gli arrivi internazionali globali subiranno un forte calo del 73% e del 64% per gli arrivi nazionali. 

Tuttavia, l’organizzazione ha avanzato che se le restrizioni di viaggio fossero rimosse prima, si potrebbero salvare 99,3 milioni di posti di lavoro e le perdite economiche raggiungerebbero i 2,686 miliardi di dollari (2,36 miliardi di euro). 

“La ripresa del settore sarà ritardata dalle forti restrizioni, in quanto emerge da uno dei periodi più punitivi della sua storia, e oltre alle compagnie aeree, ne soffrirà l’intero ecosistema dei viaggi, compresi milioni di PMI”, ha dichiarato Gloria Guevara, presidente e Ceo del Wttc. In questo senso, ha sottolineato che gli hotel, le destinazioni, le agenzie di viaggio e altri saranno “devastati” dall’effetto domino economico delle prolungate restrizioni agli spostamenti. 

 

Emergenze: 112

Telefono centrale operativa 067919104

Mail: info@polizialocaleciampino.it

Assistenza Twitter: https://twitter.com/pl_ciampino

EnglishFrenchGermanItalianSpanish